Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, il futuro secondo Malacarne
23/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

Per il gas e in particolare la sua logistica, Carlo Malacarne ha da tempo elaborato un'analisi integrata ed efficace del presente e del “nuovo mondo” che forse ci attende. Una visione che nei giorni scorsi ha meritato alla sua Snam il riconoscimento di Tso dell'anno alla European Gas Conference di Vienna. Le sfide del presente, sostiene, nascono principalmente dall'incertezza profonda che caratterizza tutti i nodi vitali del settore in Europa: le difficoltà di previsione della domanda, “che potrebbe aver già raggiunto il pieno potenziale”, il contrarsi progressivo degli impegni di lungo termine, sia di acquisto take or pay della materia prima, che di utilizzo (ship or pay) delle infrastrutture. Il mercato a tutti i livelli si è spostato su una dimensione di breve periodo. Non per questo, nel contempo, smettono di porsi i problemi di approvvigionamento nel lungo termine, ancor più visto il declino delle produzioni interne. La risposta, secondo Malacarne, deve poggiare su due pilastri. Primo: “l'industria del gas è obbligata a trovare nuove e condivise soluzioni per restaurare una piena fiducia, industriale e politica, tra consumatori Ue e produttori non Ue”. Un tema relativamente più trascurato nel dibattito ma l'a.d. non riesce a tacerlo, men che mai nell'anno della crisi di una produzione Ue storica come Groningen.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]