Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, Engie rinegozia con Gazprom
13/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

La francese Engie e la russa Gazprom Export hanno raggiunto un accordo per adattare alle condizioni di mercato i prezzi dei loro contratti di lungo periodo per la fornitura di gas russo. Lo ha annunciato oggi la stessa Engie. Gazprom aveva reso noto in febbraio che la società francese aveva avviato nel 2015 un procedimento presso la camera arbitrale di Stoccolma contro Gazprom Export su un contratto di fornitura di gas. “Con questo accordo Engie ha eliminato il rischio dai suoi contratti di fornitura di lungo termine per i prossimi anni aggiustando il loro meccanismo di prezzo alle condizioni di mercato”, ha dichiarato nella nota l'executive vice-president di Engie, Pierre Chareyre. Ieri Gazprom aveva dichiarato di aver raggiunto un accordo con Engie che quest'ultima aveva messo fine agli arbitrati in corso. Quest'anno il gas russo copre circa il 22% delle forniture di lungo termine di Engie in Europa. Nei giorni scorsi la tedesca E.On , altro grande acquirente europeo di Gazprom, aveva dichiarato di aver raggiunto un analogo accordo con Gazprom sui contratti gas.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]