Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, l'Egitto lancia la sfida
15/02/2019 - Pubblicato in news internazionali

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia EastMed. La novità è che probabilmente per la prima volta in modo così esplicito, i protagonisti di uno degli sviluppi più importanti da decenni per l'energia europea - il gas dell'Est Mediterraneo - hanno presentato le due opzioni come alternative e concorrenti. In termini di offerta, il gas del Mediterraneo sarebbe una delle poche forze in grado di spostare di qualcosa gli equilibri del mercato gas europeo nel prossimo futuro, in cui per il resto saranno ancora dominanti l'export russo, il cui asse si sposterà in Germania col Nord Stream 2, quello norvegese e il Gnl (in parte anche di origine Usa), seguiti a distanza dall'Algeria e con un contributo per ora minoritario del Caspio (attraverso il corridoio Sud a cui l'EastMed dovrebbe riconnettersi). Una partita dai risvolti anche politici, perché emergere come hub gas mediterraneo accrescerebbe il peso dell'Egitto nell'intera Regione, e con esso dell'Italia, che ne è partner privilegiato per il tramite di Eni, a sua volta operatore con una presenza importante in Nord Africa a cominciare dalla Libia. Senza contare il "terzo incomodo" Turchia, capriccioso partner del Corridoio Sud e dell'Europa ma anche della Russia.

Fonte: Gas, l'Egitto lancia la sfida 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]