Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas americano diretto alla Cina
04/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il flusso di Gnl americano trasportato via nave attraverso il canale di Panama è destinato a crescere molto rapidamente. Anzi sta già crescendo, mostrando al mondo e alla Russia la sempre maggiore forza a stelle e strisce nel campo dell’energia. Jorge Quikano, vertice della Panama Canal Authority, alla Reuters aveva confermato che nel 2017 sono stati in totale 6 milioni le tonnellate di gas naturale liquefatto che hanno attraversato l’infrastruttura centro-americana. Per il 2018 sono previste in transito per il canale di Panama 11 milioni di tonnellate di gas americano, 20 milioni quelle previste per il 2019. Per il 2020, il volume dovrebbe toccare le 30 milioni di tonnellate. A incentivare il flusso di Gnl nel canale di Panama sono due fattori importanti e concomitanti: la maggiore disponibilità di gas da parte degli Usa e l’aumento della domanda di gas naturale di paesi come la Cina. Gli esportatori statunitensi stano già sollecitando gli acquirenti cinesi, mentre Pechino inizia a diversificare le importazioni dall’Australia e dal Qatar, attualmente i suoi fornitori primari. Intanto c’è già un primo contratto: PetroChina acquisterà gas dall’americana Cheniere Energy.

Fonte: ItaliaOggi – Giusy Caretto (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]