Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas Algeria, Ttpc introdurrà prodotti di capacità inferiori a un anno
23/07/2019 - Pubblicato in news internazionali

In relazione all'offerta di capacità di trasporto di gas algerino verso l'Italia sul gasdotto transtunisino Ttpc e transmediterraneo Transmed annunciata a fine giugno, la controllata di Eni che gestisce il gasdotto ha fatto sapere che il Parlamento della Tunisia ha ratificato il 16 luglio l'estensione al 2029 degli accordi di transito del gas, condizione per l'effetti avvio della procedura prevista per oggi. Inoltre il gruppo ha fatto sapere che l'eventuale capacità non assegnata nella procedura odierna verrà offerta in una seconda procedura basata sui medesimi principi e che si terrà indicativamente tra fine agosto e inizio settembre. La data esatta verrà pubblicata nei prossimi giorni. Successivamente alla conclusione della seconda procedura e fino all'annuncio di ulteriori offerte analoghe ogni quantitativo di capacità non impegnata verrà assegnata su base "first come first served" alle medesime condizioni previste nelle procedure stesse. Infine Ttpc annuncia che nei prossimi mesi intende aprire una consultazione in vista dell'introduzione progressiva di prodotti di trasporto inferiori a un anno.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]