Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gare gas, riavviare la macchina
04/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

“La macchina sta davvero partendo”, scrivevamo a gennaio 2016 dopo la pubblicazione dei primi 14 bandi di gara per la distribuzione gas. Abbiamo peccato di ottimismo, e di molto. Oltre un anno dopo, la macchina (miliardaria) pare assai più in panne e il settore è di nuovo a interrogarsi su come farla ripartire. Nell'ultimo anno e più il quadro dei bandi non è cambiato molto: quelli pubblicati sono saliti a meno di una ventina, per un valore stimato degli affidamenti di oltre 3 miliardi di euro e un valore di riscatto di oltre 2 miliardi. Finora, secondo il calendario Mise, pur più volte ritoccato in avanti, avrebbero dovuto essere più di 80. Di quelli usciti inoltre, buona parte sono stati rinviati, alcuni ritirati o congelati, praticamente tutti impugnati. Uniche eccezioni forse Milano (dove è in campo una sfida assai aspra tra 2i Rete Gas e l'incumbent A2A) e Torino 2. Due bandi che secondo Italgas potrebbero rivelarsi apripista per le altre gare, ma perfino essi non esenti da rinvii. Il quadro complessivo a 17 anni dal Dlgs Letta, insomma, è ancora di un'attesa sine die e non è un caso. I rinvii nascondono un problema più profondo e lo stallo, si può dire, ha almeno quattro protagonisti: aziende, Mise, Autorità e enti locali (cinque coi sindacati). Col legislatore sollecitato da tutti a trovare una soluzione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]