Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gare gas, "il Mise prenda in mano la situazione"
28/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

I “motori” sono al massimo ma la macchina non parte: dopo la finta partenza del 2016 e l'ennesima proroga dei termini del penultimo milleproroghe, anche nel 2017 sono già 82 le gare per la distribuzione gas che avrebbero dovuto partire e non l'hanno fatto. Secondo Giulio Gravaghi, amministratore di Sciara, società di consulenza attiva nell'assistenza degli enti locali nelle procedure, non si tratta di un caso, considerati i diversi problemi che ostacolano il decollo della riforma, in cui la preoccupazione dei Comuni per i propri interessi si aggiunge al nodo jobs act, a quello del codice degli appalti e ai tanti contenziosi, a cominciare da quelli sul VIR/RAB. La conclusione dell'articolo è che il ministero dello Sviluppo dovrebbe riprendere in mano la situazione, tornando a convocare la Cabina di regia, riunitasi finora solo 3 volte, per individuare una via d'uscita – tanto più, si potrebbe aggiungere, in una fase in cui occasioni si offrono con l'esame parlamentare del Ddl concorrenza del Milleproroghe. Tra pochi giorni (11 febbraio) cadrà il quinto anniversario dell'entrata in vigore del DM 12 novembre 2011, n. 226, pubblicato nel supplemento ordinario 20/L della Gazzetta Ufficiale del 27 gennaio 2012.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]