Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Il futuro è nel gas e nelle rinnovabili”

Claudio Descalzi, amministratore delegato del gruppo energetico Eni, ieri pomeriggio al Teatro Odeon di Firenze, di fronte a 700 studenti delle scuole superiori che partecipano al progetto dell’Osservatorio permanente Giovani-Editori guidato da Andrea Ceccherini ha ribadito che è fondamentale fermare il cambiamento climatico globale e dunque le emissioni in atmosfera; è necessario ridurre l’uso dell’inquinante carbone e puntare sulle energie rinnovabili; bisogna fare in modo che Paesi ricchi di energia come l’Africa non la esportino tutta, alimentando il gap tra chi ha e chi non ha risorse. Proprio con riferimento all’Africa ha affermato che si tratta di «Un Paese in cui mancano cibo e benessere ma ci sono gas, petrolio e sole che però non creano sviluppo». Con un risultato paradossale, secondo il manager: l’Africa è diventata sempre più povera, ma anche l’Europa che importa energia si è indebolita, perché ha speso moltissimo in rinnovabili, ha aumentato l’uso del carbone e diminuito quello del gas. Tutto il contrario di quello che Descalzi professa come strategico: «Il futuro è nel gas e nelle rinnovabili, dobbiamo avere politici coraggiosi che puntano su queste due fonti energetiche per non pregiudicare il futuro». Invece finora è stata scelta la fonte energetica più economica: e siccome i prezzi del carbone e delle fonti fossili sono scesi, il mercato libero ha spinto la risorsa meno costosa.

Fonte: Il Sole 24Ore – Red. (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]