Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Nel nostro futuro c’è il gas anche per produrre plastica”
05/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il gruppo italiano Maire Tecnimont ha firmato in settimana il più grande contratto della sua storia, e lo ha fatto in Russia, dove la Tecnimont opera dagli Anni 30. Il contratto vale 3,9 miliardi di euro e ha visto protagonista la società controllata Tecnimont S.p.A. in qualità di leader di un consorzio con Tecnimont Russia e la cinese Sinopec. I 3,9 miliardi sono la quota che fa capo al gruppo Maire mentre gli altri soci si dividono una torta che sfiora i 12 miliardi. Si tratta di realizzare un impianto di trattamento del gas nella regione dell’Amur, vicino al confine con la Cina, per conto del gigante russo Gazprom. Il progetto dovrebbe completarsi nel 2023. Metà del gas si dirigerà verso la Cina e l’altra metà alimenterà il settore petrolchimico russo in alcuni grandi impianti che saranno costruiti in un progetto a parte. Alla domanda sul futuro degli idrocarburi e lo sviluppo delle rinnovabili, Fabrizio Di Amato, presidente di Maire Tecnimont, risponde: «Il gas adesso non è più usato solo per generare energia elettrica. Lo si usa anche per fare la plastica, mentre prima si usava il petrolio. Quanto alle rinnovabili, Maire Tecnimont ha realizzato il più grande impianto a biomasse d’Italia, un grande parco eolico in Messico, e ha costituito una società per questo settore. Noi siamo pronti. Ma prevediamo ancora molti anni di sviluppo del gas».

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]