Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa FT mette in guardia dall'oil supply shock
12/07/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il Financial Times mette in guardia dall'aumento della dipendenza del mondo dal petrolio del Medio Oriente. L'editoriale prende spunto da una dichiarazione resa la scorsa settimana dal direttore generale dell'Aie, Fatih Birol, il quale ha sottolineato che la dipendenza dal greggio del Medio Oriente sta salendo ai livelli più alti dagli anni '70 ed è “verosimile che cresca ancora”. L'instabilità del Medio Oriente e di paesi produttori come il Venezuela significa che una contrazione dell'offerta è sempre un rischio. Contro questo rischio, i paesi consumatori possono senz'altro puntare sull'efficienza o sull'auto elettrica, “tagliando i sussidi alle fonti fossili dove le politiche lo consentono”. Ma ancora più importante è la consapevolezza di essere legati a doppio filo con il Medio Oriente per le prossime decadi. Una dipendenza difficile da eliminare: secondo gli ultimi dati Aie, la produzione in Medio Oriente supera oggi i 31 milioni di barili al giorno, il 35% dell'offerta mondiale, livello che non si vedeva dal 1975.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]