Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I fondi liquidano e petrolio crolla del 5%
09/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’ennesimo aumento delle scorte di greggio negli Usa ha dato il via a liquidazioni da parte dei fondi, che avevano accumulato posizioni rialziste da record, e il prezzo del barile è crollato del 5% ai minimi dell’anno. Dopo aver testato importanti soglie tecniche, che fanno temere ulteriori ribassi, il Brent ha chiuso a 53,11 $/barile, il Wti a 50,28 $. Secondo l’Eia gli stock di greggio sonoi saliti di 8,2 milioni di barili la settimana scorsa, mentre sono calati benzine (-6,6 mb) e distillati (-2,7 mb). Ulteriori pressioni sui prezzi sono arrivate dal dollaro forte.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – red (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]