Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Firmati contratti per un miliardo
18/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

Matteo Renzi è l’unico premier europeo invitato all’International economic forum di San Pietroburgo. Ad accompagnare il premier Matteo Renzi, il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e i big delle grandi aziende italiane come Mauro Moretti (Leonardo) e Claudio Descalzi (Eni). In colloqui che nel complesso sono durati quattro ore, come ha sottolineato Renzi, i leader di Italia e Russia hanno naturalmente parlato molto di energia, e lo “zar” ha assicurato che la Russia è interessata a continuare il lavoro sulle direttrici sud del gas. Il vicepremier Arkadi Dvorkovic si è d’altra parte spinto fino ad immaginare per l’Italia un ruolo di “hub” del gas nel Mediterraneo. Su questo aspetto Calenda è chiaro: «La possibilità di sviluppare nuovi corridoi è molto interessante, noi abbiamo dato la piena disponibilità. È un discorso che va portato avanti per vedere se c’è fattibilità sia dal punto di vista dei regolamenti europei che del business». Putin ha confermato in conferenza stampa che si è parlato anche di North Stream 2 e di un possibile coinvolgimento italiano. «Io avrei preferito che fosse mandato avanti il progetto South Stream – ha precisato Renzi in polemica con le decisioni Ue spinte dalla Germania di Angela Merkel -. Se così non è andata non è responsabilità della Russia né dell’Italia. Sono convinto che si troveranno soluzioni di buon senso».

Fonte: Sole 24 Ore – Emilia Patta (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]