Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Fiammata del petrolio oltre 80 dollari al barile. Consumatori in allarme
18/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

La soglia dei 70 dollari al barile aveva ceduto appena un mese fa, ma il petrolio ha già tagliato anche il traguardo successivo: il Brent ha superato quota 80 dollari, il livello desiderato dai sauditi, stando alle indiscrezioni lasciate filtrare da Riad. La crisi in Venezuela, dove la produzione è crollata del 40% in due anni, a 1,4 milioni di barili al giorno, sta diventando drammatica e il ripristino delle sanzioni Usa contro l’Iran ,pur avendo un impatto ancora incerto, sta già iniziando a ostacolare le esportazioni di greggio di Teheran. I tagli produttivi effettuati dai paesi Opec hanno più che compensato la formidabile crescita dello shale oil americano, che ha catapultato gli Usa al secondo posto tra le potenze petrolifere mondiali, superando Riad e insidiando Mosca.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]