Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Fiammata del petrolio oltre 80 dollari al barile. Consumatori in allarme
18/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

La soglia dei 70 dollari al barile aveva ceduto appena un mese fa, ma il petrolio ha già tagliato anche il traguardo successivo: il Brent ha superato quota 80 dollari, il livello desiderato dai sauditi, stando alle indiscrezioni lasciate filtrare da Riad. La crisi in Venezuela, dove la produzione è crollata del 40% in due anni, a 1,4 milioni di barili al giorno, sta diventando drammatica e il ripristino delle sanzioni Usa contro l’Iran ,pur avendo un impatto ancora incerto, sta già iniziando a ostacolare le esportazioni di greggio di Teheran. I tagli produttivi effettuati dai paesi Opec hanno più che compensato la formidabile crescita dello shale oil americano, che ha catapultato gli Usa al secondo posto tra le potenze petrolifere mondiali, superando Riad e insidiando Mosca.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]