Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Fca: “Sul dieselgate sempre collaborato con le indagini”
24/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Alla vigilia della presentazioni dei conti trimestrali da parte di Fca, dalla Francia arriva un nuovo filone di indagine sul Dieselgate, lo scandalo esploso nel 2015 con Volkswagen per la presenza di software in grado di manomettere i test sulle emissioni di gas dai motori a gasolio. Fiat Chrysler Automobiles è sospettata di aver ostacolato l’inchiesta francese sul dieselgate, secondo quanto riportato dal quotidiano Le Monde. Stando alle informazioni del giornale francese, il costruttore ha mostrato «reticenza a collaborare con i servizi della repressione delle frodi fra il maggio 2016 e gennaio 2017». Immediata la reazione di Fca France che, a stretto giro, ha fatto sapere che la società «ha sempre collaborato alle indagini condotte da parte delle autorità competenti e continuerà a farlo in futuro ». La casa auto «sta attualmente collaborando con l’autorità giurisdizionale francese in merito a questa specifica indagine», anche se non è in grado di commentare ulteriormente poiché non ha ancora avuto accesso al fascicolo ed ai fatti dell’inchiesta. Il gruppo, ad ogni modo, «attende di avere l’opportunità di rispondere a tali contestazioni, ove vengano sollevate, ed ha fiducia che la questione sarà chiarita a tempo debito».

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Mar. Man. (pag. 39)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]