Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Fca: “Sul dieselgate sempre collaborato con le indagini”
24/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Alla vigilia della presentazioni dei conti trimestrali da parte di Fca, dalla Francia arriva un nuovo filone di indagine sul Dieselgate, lo scandalo esploso nel 2015 con Volkswagen per la presenza di software in grado di manomettere i test sulle emissioni di gas dai motori a gasolio. Fiat Chrysler Automobiles è sospettata di aver ostacolato l’inchiesta francese sul dieselgate, secondo quanto riportato dal quotidiano Le Monde. Stando alle informazioni del giornale francese, il costruttore ha mostrato «reticenza a collaborare con i servizi della repressione delle frodi fra il maggio 2016 e gennaio 2017». Immediata la reazione di Fca France che, a stretto giro, ha fatto sapere che la società «ha sempre collaborato alle indagini condotte da parte delle autorità competenti e continuerà a farlo in futuro ». La casa auto «sta attualmente collaborando con l’autorità giurisdizionale francese in merito a questa specifica indagine», anche se non è in grado di commentare ulteriormente poiché non ha ancora avuto accesso al fascicolo ed ai fatti dell’inchiesta. Il gruppo, ad ogni modo, «attende di avere l’opportunità di rispondere a tali contestazioni, ove vengano sollevate, ed ha fiducia che la questione sarà chiarita a tempo debito».

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Mar. Man. (pag. 39)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]