Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Si farà il gasdotto del Mediterraneo di Edison e Depa
06/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il gasdotto del Mediterraneo si farà. Italia, Grecia, Cipro e Israele hanno, infatti, siglato un Memorandum of understanding per costruire il gasdotto, meglio noto come East Med, che partirà dal nuovo giacimento nel Mediterraneo orientale verso l’Europa. Il progetto, che sarà realizzato da Ig Poseidon, joint venture tra Edison e la società greca del gas Depa, consiste nella realizzazione di 2 mila km di condotto, che partirà dal bacino Levantino, considerato dagli esperti il nuovo tesoro del Mediterraneo, verso Italia e Grecia, e costerà 6 miliardi di euro. Si stima che il gasdotto potrà trasportare fino a 16 miliardi di metri cubi di gas all’anno e che sarà il più esteso e profondo al mondo. Il ministro cipriota dell’energia, Yiorgos Lakkotrypis, durante la cerimonia della firma a Nicosia, ha spiegato: «Oggi abbiamo raggiunto un traguardo molto significativo, che è la firma di un memorandum of understanding che delinea l‘impegno politico di quattro Paesi nella realizzazione di questo progetto». Il gasdotto, ha aggiunto il ministro, è un «pilastro molto importante» per il corridoio del gas naturale nel Mediterraneo orientale. I quattro Paesi hanno anche fatto sapere che, entro il 2018, firmeranno anche un accordo intergovernativo finalizzato allo sviluppo di future collaborazioni che faciliteranno studi, permessi e operazioni di progettazione e costruzione. Israele, dove risiede il bacino, ha scoperto al largo delle proprie coste più di 900 miliardi di metri cubi di gas, a cui si aggiungono i 128 miliardi di metri cubi del giacimento Afrodite a Cipro.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]