Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Si farà il gasdotto del Mediterraneo di Edison e Depa
06/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il gasdotto del Mediterraneo si farà. Italia, Grecia, Cipro e Israele hanno, infatti, siglato un Memorandum of understanding per costruire il gasdotto, meglio noto come East Med, che partirà dal nuovo giacimento nel Mediterraneo orientale verso l’Europa. Il progetto, che sarà realizzato da Ig Poseidon, joint venture tra Edison e la società greca del gas Depa, consiste nella realizzazione di 2 mila km di condotto, che partirà dal bacino Levantino, considerato dagli esperti il nuovo tesoro del Mediterraneo, verso Italia e Grecia, e costerà 6 miliardi di euro. Si stima che il gasdotto potrà trasportare fino a 16 miliardi di metri cubi di gas all’anno e che sarà il più esteso e profondo al mondo. Il ministro cipriota dell’energia, Yiorgos Lakkotrypis, durante la cerimonia della firma a Nicosia, ha spiegato: «Oggi abbiamo raggiunto un traguardo molto significativo, che è la firma di un memorandum of understanding che delinea l‘impegno politico di quattro Paesi nella realizzazione di questo progetto». Il gasdotto, ha aggiunto il ministro, è un «pilastro molto importante» per il corridoio del gas naturale nel Mediterraneo orientale. I quattro Paesi hanno anche fatto sapere che, entro il 2018, firmeranno anche un accordo intergovernativo finalizzato allo sviluppo di future collaborazioni che faciliteranno studi, permessi e operazioni di progettazione e costruzione. Israele, dove risiede il bacino, ha scoperto al largo delle proprie coste più di 900 miliardi di metri cubi di gas, a cui si aggiungono i 128 miliardi di metri cubi del giacimento Afrodite a Cipro.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]