Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Al Falih: nell’Opec “accordo iniziale” per prorogare i tagli
21/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

All’interno dell’Opec c’è già un «accordo iniziale» per continuare a tagliare la produzione di petrolio nella seconda metà dell’anno, anche se le condizioni del piano sono oggetto di discussione: la proroga potrebbe ad esempio durare solo tre mesi, invece di altri sei, e la riduzione dell’output potrebbe essere meno pesante di quella sopportata finora, visto che i consumi di greggio nel periodo estivo sono più robusti. È il ministro saudita Khalid Al Falih ad alzare – almeno parzialmente – il velo sulle trattative avviate tra i Paesi Opec, la Russia e gli altri alleati esterni all’Organizzazione in vista del vertice del 25 maggio, quando si deciderà se prolungare o meno l’intervento sul mercato. Parlando a margine di una conferenza ad Abu Dhabi, Al Falih ha ammesso che il taglio da 1,8 milioni di barili al giorno, in vigore dal 1° gennaio per sei mesi, si sta rivelando meno efficace del previsto: «Benché ci sia un alto livello di impegno, non abbiamo raggiunto il nostro scopo, che è quello di riportare le scorte alla media degli ultimi cinque anni».

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]