Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Exxon taglia le collaborazioni con Rosneft
02/03/2018 - Pubblicato in news internazionali

ExxonMobil ha dovuto arrendersi alle sanzioni in vigore, imposte da Usa e Ue alla Russia fin dal 2014 per l’annessione della Crimea, e forse anche a quelle che Washington potrebbe annunciare nelle prossime settimane, per punire Mosca dalle sospette interferenze nel processo elettorale americano .la compagnia energetica, un tempo guidata dall’attuale segretario di stato Tillerson, era tra le più attive in Russia. Ora secondo quanto dichiarato da un portavoce Exxon rinuncerà ad alcune delle joint ventures con il colosso russo Rosneft. La marcia indietro riguarda un progetto nel mar di Kara, oltre il Circolo Polare: settore che rientra in pieno tra quelli colpiti dalle sanzioni. Il progetto congiunto concordato da Rosneft ed Exxon nel 2012 prevedeva di investire fino a 500 miliardi di dollari nello sviluppo delle risorse dell’Artico e del Mar Nero. Con l’avvento delle sanzioni, il governo Usa permise alla compagnia di ultimare alcune perforazioni già avviate nell’Artico, imponendo però una multa di 2 milioni di dollari per aver firmato una serie di accordi nel 2014, a sanzioni già decise.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Antonella Scott (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]