Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Exor compra i robot delle estrazioni petrolifere: 103 milioni per Welltec
11/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Exor investe 103,3 milioni per acquisire il 13% di Welltec, leader globale nel campo delle tecnologie robotiche. Welltec - che offre soluzioni affidabili ed efficienti per le attività di manutenzione, pulizia e riparazione dei pozzi di estrazione - ha sede in Danimarca.  L'operazione rientra nella strategia di investimento di Exor - spiega la holding del gruppo Agnelli - che include anche l'acquisizione di quote di minoranza in società dotate di alto potenziale di crescita, con l'obiettivo di sostenere imprenditori di talento nella realizzazione dei loro piani di sviluppo. La decisione di investire nel settore petrolifero sembra una mossa in controtendenza con l'andamento delle società petrolifere. In realtà si spiega proprio con le valutazioni convenienti (i prezzi sono molto bassi), ma anche con i cambiamenti strutturali, che stanno facendo emergere nuove opportunità. Le società del settore hanno manifestato l'esigenza di tagliare gli investimenti e di estendere il ciclo di vita dei pozzi già in funzione, e questo avrà impatti positivi su Welltec: la società danese realizza infatti robot che consentono di migliorare i processi di manutenzione e di estrazione, ottenendo maggiore efficienza e significativi risparmi.

Fonte: Corriere della Sera – Raffaella Polato (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]