Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa E’ l’Europa il terreno della sfida petrolifera tra sauditi e russi
06/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

È contro Mosca che è in corso una dura battaglia di posizione sul mercato del petrolio, con l’Arabia Saudita che si sta spingendo fino a sottrarle clienti nel cortile di casa: l’Europa. Per la prima volta da almeno vent’anni la Svezia è tornata a rifornirsi da Riyadh, con l’importazione di un carico da parte della società di raffinazione Preem. Ma il greggio saudita si sta facendo strada, a scapito dell’Ural russo, persino in Paesi dell’ex blocco sovietico. Le relazioni tra l’Arabia Saudita e la Russia si sono deteriorate con l’intervento di Mosca in Siria, ma la sfida sul mercato del petrolio non sembra avere motivazioni politiche. Riyadh da un lato, attraverso l’Opec, sta cercando di costringere alla resa le produzioni a maggior costo (a cominciare dal greggio non convenzionale del Nord America) e dall’altro punta a presidiare le sue quote di mercato, in una situazione resa drammatica dal persistere di un enorme eccesso di offerta petrolifera.  L’arma dei sauditi sono i prezzi, che stanno diventando sempre più competitivi e i russi sono ben consapevoli della sfida in corso. Il ceo di Rosneft, Igor Sechin, accusa senza mezzi termini i sauditi di «dumping» mentre il ministro dell’Energia Alexander Novak ha ammesso che l’avanzata di Riyadh nell’Europa dell’Est è la «competizione più dura» che Mosca sta affrontando.

 

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]