Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Europa divisa anche nella partita del gas
10/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La Germania cerca di dettare le regole del gioco. L’Italia rischia di essere asfaltata. I paesi dell’Est puntano i piedi e cercano di rovesciare il tavolo. La Commissione di Bruxelles, dopo essersi rimangiata la parola tre volte, viene costretta a mettersi in mezzo. C’è anche Putin che trama, blandisce, promette. Poi, i poteri forti, nella veste di colossi dell’economia europea, che scommettono al buio miliardi di euro. Ancora, gli Stati Uniti, appena arrivati sulla scena, che cercano di far saltare tutti i birilli con un solo strike. E, infine, dalle quinte si affacciano mano nella mano, arabi e israeliani. È la battaglia del gas e dei gasdotti. L’Europa ha raggiunto il picco del consumo di metano nel 2010. Negli ultimi due anni, c’è stata una piccola ripresa, ma il fabbisogno di gas della Ue nel 2015 era del 15% inferiore a cinque anni prima. Fino al 2025, la domanda di gas reggerà, anche perché sempre più centrali elettriche passeranno dal carbone al metano. Dopo, dipende dall’efficienza degli impianti, dai vincoli contro i combustibili fossili per il riscaldamento globale, dall’ascesa delle rinnovabili. Il problema è che le fonti tradizionali di approvigionamento del metano rischiano di sparire prima. La produzione interna europea (Scozia, Norvegia, Olanda) si sta esaurendo: copriva più di metà del fabbisogno nel 2014, non arriverà a un terzo fra vent’anni. Grande o piccolo, chi chiude il buco? Il primo a candidarsi è Putin. Il raddoppio del Nord Stream a 110 miliardi di metri cubi l’anno non sembra aver senso, visto che il ramo già esistente è sottoutilizzato. Sfruttare a pieno la capacità di Nord Stream consentirebbe di chiudere per sempre la strada attraverso cui oggi metà del metano di Gazprom raggiunge l’Europa: l’Ucraina, dando agli avversari di Kiev, cui verrebbero tolti i soldi dei diritti di transito, un colpo durissimo. La logica dell’opposizione all’accoppiata Merkel-Putin è la convinzione che l’Europa debba ridurre e non aumentare la dipendenza dal gas russo. È l’ottica che spiega l’altro gasdotto in costruzione, il Tap che, dall’Azerbaigian, attraverso Turchia, Grecia, Albania porta il metano in Italia per distribuirlo da qui in Europa. Fare dell’Italia un hub del gas europeo costa: il prezzo del Tap è di 45 miliardi, contro 10 per Nord Stream 2, per una portata di 16 miliardi di metri cubi l’anno contro 55. I due gasdotti peraltro non si escludono a vicenda. Un rapporto del ministero degli Esteri tedesco spiega che, se Gazprom sceglierà di tenere bassi i prezzi, c’è spazio per tutti.

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Maurizio Ricci (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]