Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’euro spinge il petrolio oltre 70$
16/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Dopo aver raggiunto mercoledì scorso i massimi da tre anni ed essere poi ulteriormente saliti (+25% negli ultimi tre mesi), i prezzi del barile di Brent e Wti ieri sono cresciuti ancora, con il primo che ha superato la soglia dei 70 dollari mentre il West Texas Intermediate si è avvicinato ai 65 dollari. Agli ulteriori rialzi dei prezzi petroliferi ha contribuito il rafforzamento dell’euro sul dollaro Usa. Tra i fattori rialzisti si sono anche i timori di minacce di natura geopolitica all’offerta della materia prima in Medio Oriente (in particolare l’instabilità in Iran e Arabia Saudita), la diminuzione oltre le attese delle scorte, anche a causa del rigido invero americano, e la stretta aderenza all’accordo guidato dall’Opec, che coinvolge tra gli altri la Russia, sul taglio (2% entro la fine di quest’anno) delle produzione di greggio.

Fonte: MF – Stefano Caiazzo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]