Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Erg, 1,7 miliardi di investimenti nel 2018-2022
09/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Nel giorno della presentazione del nuovo piano industriale 2018-2022, Erg ha ceduto al fondo Greencoat UK Wind, quotato a Londra e specializzato in investimenti nelle rinnovabili, il 100% del capitale di Brockaghboy Windfarm, società di diritto inglese titolare del parco eolico da 47,5 MW realizzato in Irlanda del Nord da Erg e TCI Renewables. Il piano della nuova Erg — ora ha un nuovo marchio — uscita completamente dal petrolio, dopo la cessione a gennaio di TotalErg ad Api, prevede investimenti per 1,68 miliardi, di cui il 92% destinati allo sviluppo: 444 milioni per la crescita organica nell’eolico all’estero, 418 milioni nel rinnovamento tecnologico della flotta eolica in Italia, 350 milioni per acquisizioni con priorità nel vento all’estero e nel solare in Italia (oltre ai 337 milioni già investiti per l’acquisizione di Forvei). Il gruppo dei fratelli Garrone è già il primo produttore in Italia di energia eolica. Ma le tecnologie usate sono anche l’idro, il gas e il fotovoltaico.

Fonte: Corriere della Sera – Francesca Basso (pag. 43)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]