Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’eolico accelera e il solare frena ma la sfida decisiva è sullo storage
10/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

17,6% è la quota del fabbisogno italiano coperta da fonti di energia green. L’Europa aveva spinto affinché si raggiungesse la soglia del 17% entro il 2020. Secondo i dati Gse, nel 2016 per ogni 10 kilowattora consumati, ci sono stati più di 3 kilowattora prodotti da fonti rinnovabili. Le condizioni climatiche hanno però influenzato i dati: in positivo gli impianti eolici; in negativo gli idroelettrici. Andamento altalenante che ritorna anche nei numeri di Anie: un calo nel 2016, rispetto al 2015 del 19% per quanto riguarda le installazioni di rinnovabili che toccano quota 738 MW. Nonostante i passi falsi, la tendenza del fotovoltaico si consoliderà fino a quota 1,5 FGW al 2020. A dare nuovi stimoli all’industria delle rinnovabili è la crescita per i sistemi di accumulo che promettono di cambiare le regole dei sistema elettrico rendendo l’utente finale energicamente autosufficiente. L’Europa è uno dei tre principali mercati dell’energy storage, insieme a Usa e Giappone; il 90% dei progetti europei di accumulo sono divisi tra Germania, Regno Unito e italia. Il futuro energetico è nell’autoconsumo e nella generazione distribuita.

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Vito de Ceglia (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]