Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, al via il progetto Mozambico
31/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La lunga attesa, rallentata dalle esitazioni dei cinesi di Cnpc, è finita. Eni e tutti gli altri partner del consorzio al lavoro sugli immensi giacimenti a gas dell’area 4 nel bacino di Rovuma hanno raggiunto l’accordo sull’investimento che segna il via ufficiale al progetto di sviluppo. Sono stati sbloccati, infatti, i primi 2,5 miliardi di dollari per realizzare la piattaforma di trattamento del gas naturale che sarà estratto da Coral, il giacimento apripista dell’area 4. L’accordo sull’investimento verrà ufficializzato domani in una cerimonia ufficiale nella capitale Maputo, alla presenza delle autorità del Paese africano e dell’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi. Non ci sarà, invece, Darren W. Woods, presidente e amministratore delegato di ExxonMobil, il colosso statunitense che a marzo scorso ha acquisito da Eni una partecipazione del 25% nell’Area 4 per un esborso di circa 2,8 miliardi di dollari. Ma l’assenza di Woods è giustificata dalla divisione dei compiti nel consorzio. Eni, infatti, ha mantenuto la gestione del progetto Coral Floating Lng e di tutte le operazioni upstream nell’Area 4, mentre ExxonMobil guiderà la costruzione e la gestione degli impianti di liquefazione di gas naturale a terra.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]