Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, via libera dagli Usa per esplorazione in Alaska
30/11/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni compie un passo avanti nell’Oceano Artico e dopo aver portato a casa, nel luglio scorso, il disco veder del Bureau of Ocean Energy Management, incassa ora anche l’ok del Bureau of Safety and Environmental Enforcement e si accinge a far partire i lavoro di esplorazione petrolifera in Alaska sfruttando la svolta sui combustibili fossili annunciata dall’amministrazione Trump. Descalzi punta a perforare fino a quattro pozzi nel mare di Beaufort, da un’isola artificiale chiamata Spy Island che si trova nelle acque statali dell’Alaska. Eni diventa così la prima società autorizzata a rinvenire l’oro nero nelle acque dell’Alaska dal 2015. Lavorare a  certe latitudini non è semplice e altre compagnie come la Royal Dutch Shell e la Chevron hanno già sperimentato tutte le difficoltà nel trivellare in aree complesse.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag. 51)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]

Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti
[leggi tutto…]