Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, via libera dagli Usa per esplorazione in Alaska
30/11/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni compie un passo avanti nell’Oceano Artico e dopo aver portato a casa, nel luglio scorso, il disco veder del Bureau of Ocean Energy Management, incassa ora anche l’ok del Bureau of Safety and Environmental Enforcement e si accinge a far partire i lavoro di esplorazione petrolifera in Alaska sfruttando la svolta sui combustibili fossili annunciata dall’amministrazione Trump. Descalzi punta a perforare fino a quattro pozzi nel mare di Beaufort, da un’isola artificiale chiamata Spy Island che si trova nelle acque statali dell’Alaska. Eni diventa così la prima società autorizzata a rinvenire l’oro nero nelle acque dell’Alaska dal 2015. Lavorare a  certe latitudini non è semplice e altre compagnie come la Royal Dutch Shell e la Chevron hanno già sperimentato tutte le difficoltà nel trivellare in aree complesse.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag. 51)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]