Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni verso i massimi storici

L'anno prossimo Eni raggiungerà il massimo storico nella produzione di greggio a quota 1,84 milioni di barili al giorno: lo ha detto l'a.d. Claudio Descalzi, illustrando alla comunità finanziaria internazionale a New York i risultati e le prospettive della strategia di trasformazione avviata nel 2014. «In meno di tre anni abbiamo conseguito la più elevata crescita organica dell’industria con un aumento di oltre il 15% della produzione, pari a oltre 250 mila barili al giorno, e siamo vicini a raggiungere il record di produzione della società nonostante una riduzione dei capex del 33% e degli opex del 23%», ha aggiunto Descalzi. Se si considera anche la cessione delle partecipazioni non core nei vari business, la cassa generata complessivamente dalle dismissioni del Cane a sei zampe ha raggiunto i 10 miliardi di euro. La nuova organizzazione societaria, prima tappa del processo che ha consentito di superare il modello divisionale dando vita a una società pienamente integrata, ha accelerato il processo decisionale portando a un risparmio annuo strutturale nei costi generali e amministrativi pari a 700 milioni. Intanto i progetti avviati tra il 2016 e il 2017, uniti a Kashagan e Goliat, produrranno a regime oltre 500 mila barili al giorno e genereranno un cash flow operativo complessivo superiore a 4 mld di euro nel 2018 in uno scenario di prezzi del petrolio pari a 60 dollari al barile.

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]

UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas

Otto paesi UE hanno firmato venerdì un documento congiunto per difendere il “ruolo del gas naturale in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”
[leggi tutto…]

Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”

“E’ presto per calcolare gli impatti a lungo termine, ma l’industria dell’energia che uscirà da questa crisi sarà molto diversa da quella che conoscevamo”
[leggi tutto…]