Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni trova accordo su giacimenti in Marocco
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo quasi nove mesi è arrivato il via libera del Marocco al farm-in di Eni nel Rabat deep offshore. Il 30 marzo scorso il Cane a sei zampe aveva siglato con Chariot Oil & Gas un accordo che prevedeva l’assegnazione al colosso oil italiano del ruolo di operatore e una quota del 40% nei permessi esplorativi I-VI nella licenza per l’area localizzata nell’offshore del Marocco. In particolare, al gruppo guidato da Claudio Descalzi erano stati assegnati i diritti di esplorazione su un’area di 10.780 chilometri quadrati, con una profondità d’acqua tra 150 e 3.500 metri. Luce verde, quindi, da Rabat, cosa che fa di Eni l’operatore principale della zona, finora inesplorata, che è considerata promettente dato il recente rinvenimento, in altre aree nell’offshore della costa settentrionale africana, di idrocarburi liquidi.

Fonte: MF - Elena Filippi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]