Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni trova accordo su giacimenti in Marocco
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo quasi nove mesi è arrivato il via libera del Marocco al farm-in di Eni nel Rabat deep offshore. Il 30 marzo scorso il Cane a sei zampe aveva siglato con Chariot Oil & Gas un accordo che prevedeva l’assegnazione al colosso oil italiano del ruolo di operatore e una quota del 40% nei permessi esplorativi I-VI nella licenza per l’area localizzata nell’offshore del Marocco. In particolare, al gruppo guidato da Claudio Descalzi erano stati assegnati i diritti di esplorazione su un’area di 10.780 chilometri quadrati, con una profondità d’acqua tra 150 e 3.500 metri. Luce verde, quindi, da Rabat, cosa che fa di Eni l’operatore principale della zona, finora inesplorata, che è considerata promettente dato il recente rinvenimento, in altre aree nell’offshore della costa settentrionale africana, di idrocarburi liquidi.

Fonte: MF - Elena Filippi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]