Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni trova accordo su giacimenti in Marocco
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo quasi nove mesi è arrivato il via libera del Marocco al farm-in di Eni nel Rabat deep offshore. Il 30 marzo scorso il Cane a sei zampe aveva siglato con Chariot Oil & Gas un accordo che prevedeva l’assegnazione al colosso oil italiano del ruolo di operatore e una quota del 40% nei permessi esplorativi I-VI nella licenza per l’area localizzata nell’offshore del Marocco. In particolare, al gruppo guidato da Claudio Descalzi erano stati assegnati i diritti di esplorazione su un’area di 10.780 chilometri quadrati, con una profondità d’acqua tra 150 e 3.500 metri. Luce verde, quindi, da Rabat, cosa che fa di Eni l’operatore principale della zona, finora inesplorata, che è considerata promettente dato il recente rinvenimento, in altre aree nell’offshore della costa settentrionale africana, di idrocarburi liquidi.

Fonte: MF - Elena Filippi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]