Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni tratta la cessione di Versalis
18/12/2015 - Pubblicato in news nazionali

Secondo quanto riferito dai sindacati all'agenzia Reuters, il cda del colosso oil deciderà di andare avanti nella due diligence con il fondo americano per la cessione della maggioranza di Versalis. Da ieri, oltre un migliaio di persone stanno manifestando sotto la sede di Eni  a San Donato. La società chimica di Eni , secondo i rappresentanti sindacali, ha infatti bisogno di ulteriori investimenti per 1,2 miliardi di euro per passare alla chimica verde e i sindacati temono che questo fondo non abbia la capacità finanziaria per portarli avanti. Anzi, ha aggiunto Miceli, "ci è stato detto dai vertici dell'azienda che SK Capital ha chiesto a Eni  di abbandonare i progetti di chimica verde". L'ipotesi attualmente al vaglio del cda di Eni  a quanto pare prevede la vendita almeno del 70% di Versalis, quindi Eni  manterrebbe una quota del 30%, con il vincolo di un ad italiano. I sindacati, invece, chiedono che a fianco del 30% detenuto da Eni , lo Stato intervenga tramite la Cassa depositi e prestiti ed entri nell'azionariato di Versalis. Secondo le ultime indiscrezioni il valore di Versalis può raggiungere 1 miliardo di euro, portando quindi a 700 milioni circa le potenziali entrate per Eni.

Fonte: Mialno Finanza

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]