Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, svolta in Vietnam: il gas c’è davvero
25/07/2019 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Arriva l’annuncio che Eni ha finalmente operato con successo la sua campagna esplorativa nel paese asiatico. A inizio giugno, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte era stato ad Hanoi per partecipare alla terza edizione del Dialogo ad alto livello sulle relazioni economiche Italia-Asean, l’organizzazione dei Paesi del Sud-Est asiatico, e aveva toccato il tema dell’oil & gas, con la presenza al forum proprio di Eni, tornata dal 12 nel Paese e titolare di 5 blocchi offshore. Ora è arrivata una svolta: il pozzo esplorativo nel Blocco offshore 114, nel bacino del Song Hong (operato da Eni col 50%), ha confermato presenza di gas e condensati in quantità significativa. Eni sta già pianificando per il prossimo anno una campagna di perforazione per provare il significativo potenziale aggiuntivo della scoperta. Eni Vietnam opera al 100% anche il vicino blocco 116. Intanto, il gruppo ha aggiornato il suo programma di buy-back: a seguito degli acquisti effettuati il 19 luglio 2019, considerando anche le azioni proprie già in portafoglio, Eni detiene l’1,11% del capitale sociale (40,3mln di azioni).

Fonte: MF - Angela Zoppo  (pag.11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]