Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni svaluta gli asset in Venezuela
10/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Pdvsa, campione del petrolio  venezuelano, ha debiti per oltre 20 miliardi di dollari. Il paese è allo stremo. I beni di prima necessità scarseggiano da quando i proventi del greggio si sono dimezzati. I partner stranieri seguono con preoccupazione gli sviluppi e lo stato di salute di Pdvsa: tra questi Eni e Saipem. Il gruppo guidato da Descalzi non ha subito stop e sta lavorando alle perforazioni nel giacimento di olio pesante Junin 5 (Eni ha il 40%) e nella Faja dell’Orinoco nel blocco Cardon IV (Eni ha il 50%). Eni si vuole tutelare: se in Venezuela il banco dovesse saltare, Eni potrebbe rivalersi sulle quote di produzione dei partner in default o subentrare nei diritti. Il management di Eni annota che è possibile che nei futuri bilanci il gruppo possa incorrere in nuove perdite su tali esposizioni.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]