Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni scommette sui nuovi contratti
16/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

L'accordo sul nucleare in Iran porterà alla progressiva eliminazione delle sanzioni e l'Eni sta prendendo in considerazione di tornare a investire nel Paese. E' quanto dice un portavoce della compagnia petrolifera italiana. L'accordo è un'importante pietra miliare. Qualora le sanzioni dovessero essere tolte e il governo iraniano presenti uno schema contrattuale più favorevole in linea con gli standard internazionali, Eni prenderà in considerazione di investire ancora nel Paese", dice il portavoce. Anche a livello istituzionale, la riapertura dell'Iran è vista come una buona occasione per le imprese italiane. L'accordo con l'Iran rappresenta, per l'Italia, "la possibilità di riaffacciarsi con tutta la potenzialità del suo sistema imprenditoriale su un mercato importantissimo che conta oggi quasi 80 milioni di potenziali consumatori". Ha detto il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, che spera di "poter presto riprendere un percorso di collaborazione bilaterale, anche attraverso una nostra missione economica e imprenditoriale che contiamo di organizzare fin dalle prossime settimane".

Fonte: Il Sole 24 ore 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]