Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni rivuole il giacimento nigeriano
21/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Prima dell’udienza preliminare del 20 aprile a Milano, c’è un’altra data importante nella tormentata vicenda del giacimento nigeriano che ha portato al rinvio a giudizio dell’ad Eni, Claudio Descalzi, per presunta corruzione internazionale. Il 27 febbraio prossimo, infatti, i legali del Cane a sei zampe e quelli del partner Shell saranno ascoltati ad Abuja dai magistrati dell’Alta Corte federale John Tsoho, che autorizza il governo del Paese africano a revocare in via cautelare la concessione Opl 245, assegnata nel 2011. Se la piega presa dall’iter giudiziario era attesa, il rischio di un ritiro della licenza da parte delle autorità nigeriane non era mai stato preso davvero in considerazione da Eni, anche se nel frattempo il giacimento non è mai entrato in produzione ed è rimasto fermo alla fase di sviluppo proprio a causa dei contenziosi. Invece la Federal High Court nigeriana, con il provvedimento emesso il 26 gennaio scorso, ha disposto il sequestro conservativo temporaneo dell’Opl 245, affidando temporaneamente la gestione della licenza al Department of Petroleum Resources per conto del Governo nigeriano in attesa della conclusione dell’indagine in corso nel Paese. Intanto il mercato si divide sulle possibili conseguenze della vicenda nigeriana, i cui sviluppi in ogni caso non sono attesi prima del 2018. L’attenzione è alta soprattutto perché l’ad Eni è in scadenza.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]