Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi
07/07/2020 - Pubblicato in news nazionali

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus che impone 3,5 miliardi di svalutazioni nel secondo trimestre tra upstream, raffinazione e perdite fiscali. Rispetto al quadro tratteggiato a fine marzi, Eni ha infatti rimodulato ulteriormente le previsioni sul prezzo del Brent in termini reali portandolo a 60 dollari al barile nel 2023. Per il triennio 2020-2022, la revisione porta invece a riposizionare, rispettivamente, l’asticella a 40, 48 e 55 dollari al barile. Il taglio delle stime riguarda poi anche il prezzo del gas sul mercato spot Psv Italia che è previsto a 5,5 dollari/mmBTU, mentre per il 2020-22 la previsione viene fissata, rispettivamente, a 3,0, 4,6 e 5,2 dollari/mmBTU. Far diventare Eni leader nella decarbonizzazione è la strategia confermata da Desclazi. “Questo ci consentirà di ottenere un miglior bilanciamento del portafoglio, riducendo l’esposizione alla volatilità dei prezzi degli idrocarburi e di coniugare gli obiettivi di reddittività e di sostenibilità che Eni si è posta.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, Patuanelli punta sul tubo

A parte il colore , uno dei punti di frizione sulla questione degli incentivi per lo sviluppo dell'idrogeno è quella del trasporto
[leggi tutto…]

Gas, col rally dei prezzi olandesi l'Italia esporta (poco: 6 mln mc)

Con la corsa delle quotazioni del gas al Ttf olandese, che come già visto hanno superato in ottobre quelle italiane per diversi giorni, si sono visti anche piccoli quantitativi di gas esportati dall'Italia in direzione del Nord Europa
[leggi tutto…]

Aggiornamento legislativo 10-16 ottobre 2020

Monitoraggio legislativo
[leggi tutto…]