Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni resiste alla crisi del greggio puntando sui nuovi giacimenti
07/03/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

“Sono stati tre anni durissimi per tante ragioni. Eni ha svolto un profondo cambiamento”. Così Descalzi dopo anni di difficoltà. Prima il crollo del costo del barile, poi il crollo del 70% del greggio, poi l’inchiesta milanese su Eni, poi le tangenti in Nigeria. Nessuna altra major è entrata nella crisi 2014 con lo stesso debito finanziario che si calcola nel 2017. Eni ha scoperto tanti idrocarburi (13 miliardi di barili equivalenti dal 2008 con tasso di sostituzione del 150% dal 2014. Il 2016 è ancora in rosso per 1,46 miliardi, nonostante l’ultimo trimestre abbia chiuso in utile dopo 18 mesi. L’Eni ha anche pensato in senso geopolitico: nuovi accordi e regole con Russia, Libia e Algeria; nuovi sbocchi al gas coperto in Mozambico ed Egitto. L’esplorazione resterà il motore della crescita a lungo termine.

Fonte: La Repubblica – Andrea Greco (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]