Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni si rafforza in Russia
18/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e la compagnia petrolifera del governo russo Rosneft hanno esteso l’accordo di cooperazione. Intesa firmata ieri a Sochi da Descalzi e Sechin, alla presenza di Gentiloni e Putin. Così Eni si rafforza in Russia operando nell’ambito dei settori exploration&production, raffinazione, trading, logistica, marketing, petrolchimica e settori tecnologico e innovazione. Eni ha sottoscritto ieri anche l’intesa con Conoe (Consorzio Nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti). Per trasformare oli vegetali in biocarburanti. L’accordo consente di mettere in atto un circuito virtuoso di economia circolare. Conoe si impegna a invitare tutte le aziende di rigenerazione aderenti al consorzio a fornire a Eni l’olio esausto raccolto per immetterlo negli impianti della bioraffineria di Venezia, primo esempio al mondo di conversione da raffineria a bioraffineria. Da maggio 2014 l’impianto produce green diesel, green nafta, green Gpl e green jet fuel, alimentato da olio di palma. Grazie a questo accordo l’olio di palma verrà sostituito con oli vegetali esausti e dalle cosiddette materie prime advanced, quali l’olio da alghe e da rifiuti.

Fonte: ItaliaOggi, Mercati&Finanza – Red. (pag.27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]