Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni ha quattro fronti aperti che possono scaldare i titoli
07/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Kashagan, cessioni e petrolio sono i fronti aperti da cui può arrivare la scossa in borsa per Eni. Fino a questo momento infatti, il 2016 è stato un anno amaro per il colosso petrolifero guidato da Descalzi che ha sottoperformato l’indice di riferimento settoriale di ben dieci punti, ma la svolta potrebbe essere ormai alle porte. Per Credit Suisse l’obiettivo di prezzo potrebbe addirittura arrivare a 18 euro qualora il piano di dismissioni da 7 miliardi di euro previsto tra il 2016 e il 2019 sia realizzato con successo. Inoltre entro fine anno dovrebbe essere annunciata la vendita parziale del Mozambico ed entro i primi mesi del prossimo anno dovrebbe seguire la cessione, sempre parziale, del colosso egiziano Zohr. Gli esperti di Credit Suisse pongono infine l’accento sull’atteso aumento del 5% della produzione nel 2017 grazie agli elevati margini di Val D’Agri e al riavvio della produzione del mega giacimento di Kashagan nel Mar Caspio previsto ad ottobre.

Fonte: Il Giornale – Cinzia Meoni (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]

Il Tap è operativo: in Italia è giunto il primo gas azero

Il gasdotto Tap è finito. E non solo, ha cominciato a funzionare. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la società, raccontando di aver avviato le operazioni commerciali
[leggi tutto…]

Tariffe trasporto gas, Acer valuta un tetto ai moltiplicatori

L'Acer ha avviato una consultazione sulla revisione dei criteri di formazione delle tariffe del gas per la capacità a breve termine
[leggi tutto…]