Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni punta 21 miliardi in Italia
15/12/2017 - Pubblicato in news nazionali

Eni chiuderà il 2017 con una performance «positiva». E si avvia al nuovo anno puntando 21 miliardi sulle rinnovabili in Italia e con la certezza che il mercato petrolifero sta «trovando un nuovo equilibrio che si rifletterà anche sui prezzi». A fare una sorta di bilancio di fine anno è stato l’amministratore delegato del gruppo Claudio Descalzi che – ribadendo la centralità dell’Italia, dove Eni ha speso per gli investimenti e i costi operativi 15 miliardi negli ultimi tre anni - si prepara nei prossimi quattro a un ulteriore impegno, con 21 miliardi. Sul fronte gas l’ad di Eni ha sottolineato, poi, che il sistema Italia ha retto «molto bene» all’incidente al terminale di Baumgarten in Austria, nonostante il Paese importi il 90% di quanto consuma. Punti di forza sono «gli stoccaggi, la rete efficiente - ha aggiunto - siamo l’unico Paese che ha una grossa diversificazione, l’Algeria, la Libia e il Gnl». Sulle prospettive, Descalzi ha indicato che in futuro «importeremo il 100% del gas in quanto la produzione nazionale non è stata più sviluppata». L’ad dell’Eni ha ricordato che 15-20 anni fa «in Italia producevamo circa 20 miliardi di metri cubi, mentre oggi siamo a meno di 7 miliardi». Infine, per quanto riguarda le quotazioni dell’oro nero, secondo il top manager «il riequilibrio del mercato petrolifero potrebbe portare a una graduale salita dei prezzi».

Fonte: Il Giornale – SF (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

I prezzi della CO2 alle stelle: pericoli per famiglie e imprese

Il mercato europeo dell’energia elettrica oggi è caratterizzato da un tale squilibrio da rendere inevitabile un amaro rincaro della bolletta.
[leggi tutto…]

Stoccaggi gas, prelievi record in Europa

Nell’inverno 2020-2021 raggiunta quota 720 TWh
[leggi tutto…]

Snam & C, i primi utili dal Tap

Dall’inizio dell’anno il gasdotto Tap ha già trasportato oltre 1,3 miliardi di metri cubi di gas. Ma ancora prima, nel corso del 2020, ha iniziato anche a far affluire i primi utili nelle casse degli azionisti del consorzio Tap Ag
[leggi tutto…]