Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni è pronta a scommettere sulla Basilicata
30/03/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni non venderà altre quote di Zohr, si aspetta un aumento delle stime per il giacimento di Amoca, non ha alcun interesse per il North Stream ma potrebbe valutare il Turkish Stream. La società guidata da Claudio Descalzi è anche disposta a investire in Basilicata, in Val d'Agri, mentre è prematuro parlare di cessione o di una partnership per la divisione Gas&Power retail. Descalzi ieri ha parlato all'Omc 2017 di Ravenna che raggruppa gli operatori oil & gas dell'area mediterranea e ha ricordato che Eni ha il 60% del giacimento egiziano di Zohr e che Rosneft, che ha già una quota del 30% nel giacimento, ha un'opzione per acquistare un ulteriore 5%, mentre il 10% è stato venduto a British Petroleum. Un altro giacimento importante scoperto da Eni è quello di Amoca in Messico: «Abbiamo trovato dei livelli molto interessanti e spessi di olio buono, leggero, poco viscoso e quindi con grande produttività», ha detto l'ad, ricordando di aver stimato all'inizio 800 milioni di barili di olio. C'è anche «un grandissimo interesse sia da parte industriale sia dai fondi» per la divisione Gas&Power retail del gruppo che la società non considera parte del suo core business. «Però - ha spiegato l'ad - è un'attività che sta andando molto bene. Quanto agli sviluppi della produzione in Libia gli analisti di Equita ritengono che la fermata della produzione al campo di Wafa non abbia implicazioni rilevanti per il titolo. La riduzione della produzione interessa 252mila barili al giorno. Eni in Libia produce principalmente gas che serve per alimentare gli impianti elettrici del Paese.

Fonte: Il Giornale – red. (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Effetto shock sul petrolio: il barile vola del 14%

L’attacco che ha dimezzato la produzione di petrolio dell’Arabia Saudita ha messo a nudo la vulnerabilità di un pilastro del sistema energetico mondiale
[leggi tutto…]

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]