Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Su Eni prevalgono le prese di profitto
20/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Titolo Eni in calo dell’1,1% a 13,938 euro dopo aver aperto invece la seduta spinta degli aumenti di target price incassati da vari analisti dopo la presentazione della strategia aggiornata venerdì 16, quando aveva guadagnato il 2%. Mediobanca Securities ha portato il tp da 20 a 21 euro di fronte al fatto che “anni di focus sui costi stanno finalmente pagando dividendi”. Le nuove attese di ebit sono del 30% al di sopra del consenso, mentre le previsioni sul debito netto 2019 sono del 30% al di sotto. Equita Sim e Jefferis hanno elevato i target dal 17,2 e 17 euro a 17,5 euro: Jefferis, cita la ‘robusta crescita della produzione upstream’ e i risultati positivi della strategia di cessione di quote in asset frutto di successi esplorativi. Equita fa riferimento a sua volta al miglioramento della generazione di cassa e al maggior valore, rispetto alle sue stime, realizzato sulla vendita del 10% di Zohr effettuato la settimana scorsa. A suo parere il ritorno per gli azionisti (dividendi più buyback) è circa dell’8,5%.

Fonte: MF – Valerio Testi (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]