Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni più forte nel Mediterraneo: scoperta “promettente” a Cipro
09/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il maxi giacimento di Zohr, sviluppato in tempi da primato al largo dell’Egitto, ha appena cominciato a produrre gas e Eni ha già annunciato una nuova “promettente” scoperta nelle acque del Mediterraneo Orientale. Stavolta protagonista è Cipro, dove la compagnia italiana ha perforato insieme ai francesi di Total il pozzo Calypso 1, riscontrando un’estesa colonna mineralizzata a gas metano. Non è ancora disponibile una stima precisa delle riserve di Calypso. Secondo indiscrezioni circolate sui media ciprioti potrebbe esserci un potenziale di 170-230 miliardi di metri cubi (bcm), superiore quindi a 128 bcm di riserve di Aphrodite, l’altra scoperta in acque cipriota (2011). Eni si appresta a mettere una pedina anche in Libano. Proprio a Beirut ci sarà la cerimonia per la firma di due contratti, entrambi assegnati a dicembre al consorzio italo-francese-russo. La Turchia contesa i modo sempre più insistente i diritti di Nicosia sul tratto di mare interessato, ma ha condotto esercitazioni navali militati a poca distanza dalle attività di preformazione della Saipem 12000.

Fonte:Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]