Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni non ha paura del minibarile
11/04/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Road show americano per Eni. Il Gruppo guidato da Descalzi ha presentato ieri alla comunità finanziaria americana la strategia 2018-2021 già recentemente illustrato a Londra. Il gruppo petrolifero ha presentato al Nyse, la borsa di Wall Street dove sono anche quotate le sue azioni, i risultati della trasformazione avviata nel 2014 e gli obiettivi per il futuro all’insegna dell’integrazione interna, dell’efficienze, della disciplina finanziaria e della capacità di crescere e creare valore anche in presenza di scenari di prezzi molto ridotti. La produzione è cresciuta del 4% nel primo trimestre di quest’anno, ovvero in un periodo tradizionalmente più difficile. La previsione di crescita media per i prossimi quattro anni è del 3,5%, con la previsione di scoprire nuove riserve per 2 miliardi di barili. A margine della presentazione Descalzi ha risposto  ad alcuni quesiti su l quadro geopolitico. Sulla possibilità di tornare a un prezzo di 80 dollari al barile, Desclazi ha detto che in un mercato guidata dai fondamentali e dove si stanno riducendo le scorte, se Opec e russi continuano a ridurre di 18 barili al giorno la produzione, allora è possibile arrivare a quei prezzi. Sulla possibilità dello shale oil Usa di fermare questo trend, Descalzi chiarisce che è pari solo al 5% della domanda, mentre la richiesta sta crescendo di 1,6 milioni di barili la giorno nel mondo.

Fonte: MF – Andrea Fiano (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]