Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: “Partner in Egitto? Non è la priorità”
15/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

II numero uno di Eni, Claudio Descalzi, conferma la tabella di marcia per Zohr, il mega-giacimento scoperto oltre un mese fa in Egitto, e avverte che per ora il gruppo del Cane a sei zampe non è alla ricerca di partner. «Bisogna capire quale partner e quando, ma la priorità per noi adesso è riuscire a finalizzare il progetto, farlo approvare e partire», ha spiegato l’ad a margine della sua audizione ieri alla commissione Esteri del Senato. «C'è una necessità per l'Egitto di avere il gas il prima possibile- ha ribadito Descalzi - altre cose le vedremo, ma non sono così impellenti e necessarie». Il giacimento supergiant di Zohr nell'offshore egiziano del Mar Mediterraneo, con un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi di gas in posto e un'estensione di circa 100 chilometri quadrati, rappresenta la più grande scoperta di gas mai effettuata in Egitto e nel Mar Mediterraneo. E per Descalzi può fare del Paese africano il fulcro di un hub del gas nel Mediterraneo dell'Est, creando un corridoio di export verso l'Europa e l'Italia. Uno scenario, questo, tracciato durante l'audizione in Senato che per l’ad di Eni vede anche un ruolo sempre più strategico per il nostro Paese: «Perché abbiamo le ha spiegato - e perché abbiamo una capacità in eccesso, circa 100 miliardi di metri cubi di gas usandone 65 miliardi e quindi si può esportare con un reverse flow verso la Svizzera, l'Austria e la Germania».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Mar. B. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]