Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: “Partner in Egitto? Non è la priorità”
15/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

II numero uno di Eni, Claudio Descalzi, conferma la tabella di marcia per Zohr, il mega-giacimento scoperto oltre un mese fa in Egitto, e avverte che per ora il gruppo del Cane a sei zampe non è alla ricerca di partner. «Bisogna capire quale partner e quando, ma la priorità per noi adesso è riuscire a finalizzare il progetto, farlo approvare e partire», ha spiegato l’ad a margine della sua audizione ieri alla commissione Esteri del Senato. «C'è una necessità per l'Egitto di avere il gas il prima possibile- ha ribadito Descalzi - altre cose le vedremo, ma non sono così impellenti e necessarie». Il giacimento supergiant di Zohr nell'offshore egiziano del Mar Mediterraneo, con un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi di gas in posto e un'estensione di circa 100 chilometri quadrati, rappresenta la più grande scoperta di gas mai effettuata in Egitto e nel Mar Mediterraneo. E per Descalzi può fare del Paese africano il fulcro di un hub del gas nel Mediterraneo dell'Est, creando un corridoio di export verso l'Europa e l'Italia. Uno scenario, questo, tracciato durante l'audizione in Senato che per l’ad di Eni vede anche un ruolo sempre più strategico per il nostro Paese: «Perché abbiamo le ha spiegato - e perché abbiamo una capacità in eccesso, circa 100 miliardi di metri cubi di gas usandone 65 miliardi e quindi si può esportare con un reverse flow verso la Svizzera, l'Austria e la Germania».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Mar. B. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]