Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, otto mesi per pagare Astana
03/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Settembre è la deadline per Eni e gli altri partner di Kpo per saldare un conguaglio fiscale di 1,6 miliardi al governo del Kazakhistan. Kpo è il consorzio che sviluppa il giacimento di Karachaganak ed è guidato da Eni e Shel, ciascuno con una quota pari al 29,5%. La produzione ammonta a 78,8 milioni di barili secondo una statistica di metà 2016, quindi c’è stato un aumento dell’11,3% rispetto all’anno precedente. Si tratta del 45% del totale del gas prodotti in Kazakhistan. Nonostante il ministro dell’economia si sia dimostrato disponibile a prorogare il termine ultimo, è comunque arrivato l’ultimatum: offerta soddisfacente o arbitrato. L’offerta apprezzata sembrerebbe di 470 milioni da parte sia di Eni sia di Shell.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]