Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: “Nessuna preoccupazione su Saipem”
10/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

II mercato esterno non ha reso l'operazione semplicissima, ma va affermato con forza che i fondamentali dell'operazione sono solidi e che il risultato finale lo vedremo a ricapitalizzazione avvenuta, a valle della quale Saipem avrà una struttura patrimoniale rafforzata e potrà quindi affrontare nel modo migliore le sfide future del settore». A poche ore dalla chiusura dell'aumento di capitale targato Saipem, il cfo di Eni, Massimo Mondazzi, traccia un bilancio dell'iniezione di risorse da 3,5 miliardi di euro lanciata nelle scorse settimane dall'azienda guidata da Stefano Cao. «I fondamentali dell'operazione sono solidi e, a valle della ricapitalizzazione, la società avrà una struttura patrimoniale rafforzata» dice Mondazzi. «Saipem è una delle migliori oil service al mondo e, grazie a questa operazione, qualunque sia lo scenario che verrà a prefigurarsi nel settore, l'azienda si troverà nelle migliori condizioni per approfittare di un'eventuale ripresa perché dispone di tutti gli strumenti necessari. In primo luogo, ha competenze innegabili che pochi al tri competitor hanno. Senza contare che può vantare un management, che si è già misurato con esperienze simili, e ha dunque tutte le carte per fronteggiarle al meglio. Infine, la società ha già messo in campo un piano di cost saving che le permetterà di affrontare anche il cambio di passo dei clienti, in cerca di prezzi più bassi in un contesto profondamente deteriorato dal calo del prezzo del greggio».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]