Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni mette in cassa 5,4 miliardi
29/10/2015 - Pubblicato in news nazionali

“Questo per Eni è un passo epocale. E gli investitori lo hanno capito e apprezzato”. Il passo epocale è quello che ha portato l’ad Claudio Descalzi alla firma dell'accordo di cessione del 12,5% della controllata Saipem al Fondo Strategico Italiano, controllato da Cdp. A passare di mano sono 55.176.364 azioni della società ingegneristica, così che il Cane a sei zampe scenderà dal 43% intorno al 30% del capitale. Un altro 12,5% più un'azione sarà apportato da Eni al patto di sindacato col Fondo, vincolato da un lock up di tre anni, ma col vantaggio immediato di deconsolidare il debito della (ex) controllata. Nell’intervista Descalzi dichiara che con la cessione di questo primo pacchetto “abbiamo già chiuso una pagina”. E prosegue: “Pensare a una riduzione ulteriore della nostra partecipazione è ragionevole, ma non a breve. Vogliamo valorizzare la quota restante: aspetteremo che il titolo Saipem torni ad apprezzarsi, poi decideremo”.

Fonte: MF

Tag Clouds

 

Ultime notizie

I prezzi della CO2 alle stelle: pericoli per famiglie e imprese

Il mercato europeo dell’energia elettrica oggi è caratterizzato da un tale squilibrio da rendere inevitabile un amaro rincaro della bolletta.
[leggi tutto…]

Stoccaggi gas, prelievi record in Europa

Nell’inverno 2020-2021 raggiunta quota 720 TWh
[leggi tutto…]

Snam & C, i primi utili dal Tap

Dall’inizio dell’anno il gasdotto Tap ha già trasportato oltre 1,3 miliardi di metri cubi di gas. Ma ancora prima, nel corso del 2020, ha iniziato anche a far affluire i primi utili nelle casse degli azionisti del consorzio Tap Ag
[leggi tutto…]