Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, investire di più in Africa
02/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Anche se più lenta rispetto al passato, la domanda energetica globale da qui al 2040 crescerà del 30%: un incremento che equivale alla domanda attuale di Cina e India. Con i paesi emergenti asiatici pronti a rappresentare circa due terzi della crescita, e la restante parte con protagonisti Medio oriente, Africa e America Latina. Riflettori puntati anche sugli Usa che tra il 2010 e il 2025 aumenteranno la produzione di tight oil di 8 mb/g: la più lunga e forte crescita produttiva mai sostenuto da un paese nella storia dei mercati petroliferi. Secondo Descalzi, ad di Eni, bisogna continuare a investire nel continente Africano, perché questa è la risposta al conflitto e al sottosviluppo. Dal punto di vista energetico l’Africa è ricca di energia: ci sono rinnovabili, petrolio e gas. L’Africa ha più riserve di idrocarburi degli Usa. Per il prezzo del petrolio, secondo Descalzi, quello raggiunto tra paesi Opec e non Opec sull’estensione dei tagli a tutto il 2018 è un accordo ragionevole e molto importante.

Fonte: ItaliaOggi – Gianfranco Ferroni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]