Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, investire di più in Africa
02/12/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Anche se più lenta rispetto al passato, la domanda energetica globale da qui al 2040 crescerà del 30%: un incremento che equivale alla domanda attuale di Cina e India. Con i paesi emergenti asiatici pronti a rappresentare circa due terzi della crescita, e la restante parte con protagonisti Medio oriente, Africa e America Latina. Riflettori puntati anche sugli Usa che tra il 2010 e il 2025 aumenteranno la produzione di tight oil di 8 mb/g: la più lunga e forte crescita produttiva mai sostenuto da un paese nella storia dei mercati petroliferi. Secondo Descalzi, ad di Eni, bisogna continuare a investire nel continente Africano, perché questa è la risposta al conflitto e al sottosviluppo. Dal punto di vista energetico l’Africa è ricca di energia: ci sono rinnovabili, petrolio e gas. L’Africa ha più riserve di idrocarburi degli Usa. Per il prezzo del petrolio, secondo Descalzi, quello raggiunto tra paesi Opec e non Opec sull’estensione dei tagli a tutto il 2018 è un accordo ragionevole e molto importante.

Fonte: ItaliaOggi – Gianfranco Ferroni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]