Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni in Ghana, piattaforma pronta a salpare
04/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Eni Singapore la cerimonia di battesimo dell'unità galleggiante di produzione e stoccaggio (floating production, storage and offloading, FPSO) “John Agyekum Kufuor”. La FPSO andrà ad operare nel campo di Sankofa-Gye Nyame nel bacino di Tano, nell'offshore del Ghana, per il progetto Offshore Cape Three Points (OCTP). La nave, che prende il nome dall'ex Presidente del Ghana Kufuor, presente alla cerimonia di battesimo insieme alla attuale First Lady Rebecca Akufo-Addo, arriverà in Ghana entro aprile 2017. La FPSO ha una capacità di trattamento oli di 58.000 barili al giorno e una capacità di trattamento gas di 5,93 milioni di metri cubi standard al giorno. Altre caratteristiche della nave sono il modulo di iniezione acqua, con una capacità massima di 55.000 b/g, e il sistema di iniezione gas, con una capacità di 4,24 mln mc/g. Un totale di 18 pozzi sottomarini saranno collegati alla FPSO, mentre un gasdotto di 63 chilometri la allaccerà alla costa, da dove potrà fornire gas alle centrali termoelettriche del Ghana per più di 15 anni, un contributo significativo al fabbisogno energetico e allo sviluppo economico del paese. Eni è operatore del Blocco OCTP con una quota del 44,44%. Gli altri partner sono Vitol con il 35,56% e GNPC con il 20%. Eni è presente in Ghana dal 2009, dove opera attraverso la controllata Eni Ghana. Oltre alla licenza dell'OCTP, Eni è operatore della licenza di esplorazione Cape Three Points Block 4.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]