Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, la frenata in Val d’Agri costa un milione al giorno
10/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

«Una perdita produttiva tra 500mila e 1 milione di euro al giorno» dovuta a una drastica riduzione in soli tre giorni della produzione petrolifera di greggio nel giacimento della Val d’Agri dell’Eni. È la stessa società in una lettera inviata al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, a sottolinearlo nell’informare che da sabato è stata «interrotta l’attività di reiniezione nel pozzo Costa Molina 2». Uno stop dovuto, in conseguenza della delibera della giunta regionale lucana, che venerdì aveva imposto alla compagnia petrolifera la sospensione della reiniezione dopo un controllo effettuato dall’Arpab, che il 4s settembre aveva riscontrato la presenza di sostanze pericolose usate nei processi di lavorazione del greggio nelle acque in una delle vasche di stoccaggio e nella testa pozzo.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Luigia Ierace (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Il Pniec alla prova della sostenibilità: le audizioni di Cib e Assocarta

Ieri si sono svolte in commissione Attività produttive le audizioni di Cib e Assocarta sul Pniec.
[leggi tutto…]

Gas, ancora fumata nera tra Mosca e Kiev

Ancora un nulla di fatto tra Russia e Ucraina nel nuovo trilaterale con la Ue su un nuovo contratto di transito del gas russo verso l'Europa
[leggi tutto…]

Tariffe gas: Arera incontra i regolatori tedesco e francesce

Il delicato dossier delle tariffe di trasporto gas tedesche e francesi è stato al centro di un incontro svoltosi lunedì tra i regolatori dei due Paesi e l’Arera.
[leggi tutto…]