Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, la frenata in Val d’Agri costa un milione al giorno
10/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

«Una perdita produttiva tra 500mila e 1 milione di euro al giorno» dovuta a una drastica riduzione in soli tre giorni della produzione petrolifera di greggio nel giacimento della Val d’Agri dell’Eni. È la stessa società in una lettera inviata al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, a sottolinearlo nell’informare che da sabato è stata «interrotta l’attività di reiniezione nel pozzo Costa Molina 2». Uno stop dovuto, in conseguenza della delibera della giunta regionale lucana, che venerdì aveva imposto alla compagnia petrolifera la sospensione della reiniezione dopo un controllo effettuato dall’Arpab, che il 4s settembre aveva riscontrato la presenza di sostanze pericolose usate nei processi di lavorazione del greggio nelle acque in una delle vasche di stoccaggio e nella testa pozzo.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Luigia Ierace (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]

Il Tap è operativo: in Italia è giunto il primo gas azero

Il gasdotto Tap è finito. E non solo, ha cominciato a funzionare. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la società, raccontando di aver avviato le operazioni commerciali
[leggi tutto…]

Tariffe trasporto gas, Acer valuta un tetto ai moltiplicatori

L'Acer ha avviato una consultazione sulla revisione dei criteri di formazione delle tariffe del gas per la capacità a breve termine
[leggi tutto…]