Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, la frenata in Val d’Agri costa un milione al giorno
10/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

«Una perdita produttiva tra 500mila e 1 milione di euro al giorno» dovuta a una drastica riduzione in soli tre giorni della produzione petrolifera di greggio nel giacimento della Val d’Agri dell’Eni. È la stessa società in una lettera inviata al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, a sottolinearlo nell’informare che da sabato è stata «interrotta l’attività di reiniezione nel pozzo Costa Molina 2». Uno stop dovuto, in conseguenza della delibera della giunta regionale lucana, che venerdì aveva imposto alla compagnia petrolifera la sospensione della reiniezione dopo un controllo effettuato dall’Arpab, che il 4s settembre aveva riscontrato la presenza di sostanze pericolose usate nei processi di lavorazione del greggio nelle acque in una delle vasche di stoccaggio e nella testa pozzo.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Luigia Ierace (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]

Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti
[leggi tutto…]