Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, forte crescita della produzione
30/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

Il crollo dei prezzi del petrolio, cui si è aggiunto l'effetto del ritiro di gas take or pay prepagato negli anni scorsi a prezzi superiori agli attuali, sono i due principali fattori alla base del calo del 75,2% a 752 milioni di euro dell'utile operativo adjusted e della perdita netta adjusted di 257 mln di Eni nel terzo trimestre del 2015. Senza il contributo di Saipem l'utile operativo scende a 604 mln (-79%) e la perdita netta sale a 289 mln. Il flusso di cassa netto da attività operative è stato di 1.710 mln, in calo del 57,1%. L'indebitamento è di 18.414 mln, in aumento di 4.729 mln su fine 2014. Per l'a.d. Claudio Descalzi, “pur in un contesto debole di prezzi del petrolio, Eni continua a registrare risultati importanti sia in termini di crescita upstream sia di ristrutturazione dei business mid-dowsntream. Nell'E&P la produzione è ancora in forte crescita e per la seconda volta nell'anno rivediamo al rialzo le nostre previsioni, pressoché raddoppiando l'obiettivo originario”. Inoltre nei nove mesi “abbiamo scoperto 1,2 miliardi di barili di nuove risorse, oltre il doppio rispetto all'obiettivo di piano, pur riducendo i nostri costi esplorativi.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Celestina Dominelli (pag.37)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]