Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Eni si espande negli Emirati Arabi. Più stretti i legami con il Medio Oriente
27/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

È l’ultima mossa della “strategia mediorientale” di Eni. Dopo aver chiuso solo pochi giorni fa una lunga serie di accordi nella penisola arabica, il Cane a sei zampe non si è fermato. Alle intese con Bahrain, Oman e gli Emirati ha fatto seguito un altro passo: l’acquisto, sempre ad Abu Dhabi, del 20% del quarto più grande complesso mondiale della raffinazione con una spesa di 3,3 miliardi di dollari. Non sarà da sola. Anche l’austriaca Omv rileverà un altro 15%. Con la firma dell’accordo (presente il premier Giuseppe Conte) l’Eni incrementa di più di un terzo la capacità di raffinazione e, soprattutto, potrà resistere meglio alle variazioni del prezzo del petrolio, ultimamente instabile. Ma ci sono più livelli di lettura delle intese: il primo è industriale: per l’Eni il Medio Oriente e la penisola arabica diventano un’area di interesse di prim’ordine. C’è poi l’aspetto della politica internazionale. Stringere i legami con gli Emirati significa anche approfondire relazioni con cui fare leva in altri scenari, come la Libia.

Fonte: Corriere della Sera – Stefano Agnoli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]